“Saleggina”: firmato l’atto di compravendita tra Cantone e armasuisse

3' di lettura 18/01/2022 - Ospedale regionale di Bellinzona, spazio di aggregazione a contatto con il fiume Ticino e acquisizione dell’Infocentro di Pollegio: su questi temi, nel pomeriggio di martedì 18 gennaio, il Dipartimento delle istituzioni ha diffuso il seguente comunicato stampa.

Il Direttore del Dipartimento delle istituzioni, Norman Gobbi per conto del Consiglio di Stato, ed Eros Hürlimann per conto del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) hanno firmato questo pomeriggio a Bellinzona l’atto di compravendita che definisce l’acquisto e il passaggio dei terreni tra armasuisse Immobili SA e il Cantone Ticino nel comparto Saleggina di Bellinzona, così come il contratto di servitù relativo allo stabile “Infocentro” nel Comune di Pollegio. Con questa firma si dà avvio concretamente a due progetti di interesse cantonale per i quali il Gran Consiglio aveva votato nella primavera del 2021 un credito 16 milioni di franchi: da un lato la pianificazione ai Saleggi quale sede per il futuro Ospedale regionale di Bellinzona e dall’altro lato il completamento degli importanti lavori di rinaturalizzazione del fiume Ticino, che consegneranno alle cittadine e ai cittadini di Bellinzona un nuovo spazio di aggregazione direttamente a contatto con il fiume Ticino. Non da ultimo (terzo tassello dell’intero progetto) l’acquisizione da parte del Cantone dell’Infocentro di Pollegio.

Il passo compiuto questo pomeriggio – a cui ha assistito anche il capo della Sezione del militare e della protezione della popolazione Ryan Pedevilla – chiude il lungo e articolato iter portato avanti dal Dipartimento delle istituzioni, in collaborazione con il Dipartimento delle finanze, con quello della sanità e della socialità, con la Città di Bellinzona, con il Comune di Pollegio, con armasuisse Immobili SA, con AlpTransit San Gottardo SA e con il Consorzio Fiume Ticino. Una firma che giunge all’indomani della sentenza del Tribunale federale (novembre 2021) nella quale l’Alta Corte di Losanna aveva respinto i ricorsi dell’Unione Contadini Ticinesi e di un privato contro la decisione del Gran Consiglio che il 12 aprile 2021 aveva accolto favorevolmente il messaggio governativo sull’acquisto di fondi alla Saleggina di Bellinzona, stanziando un credito complessivo di 16 milioni e 60 mila franchi.

Norman Gobbi ha espresso soddisfazione per l’obiettivo raggiunto: “Si tratta – ha detto il Consigliere di Stato – di un punto di arrivo e di un punto di partenza: si chiude un percorso molto impegnativo a livello di contatti e di strategia per riuscire a mettere d’accordo svariati attori coinvolti, trovando soluzioni che soddisfano tutte le parti. Voglio quindi ringraziare i due Comuni – la Città di Bellinzona e Pollegio – il consorzio e le istanze federali coinvolte per la fattiva collaborazione con il Cantone. Da oggi abbiamo la possibilità di pianificare, presentare e finalizzare quei progetti che hanno una valenza molto importante sul fronte ambientale e su quello della politica sanitaria. Avere tutti i portatori d’interesse sin dall’inizio delle attività allo stesso tavolo ha permesso dunque di trovare importanti sinergie future tra i differenti progetti a favore della collettività, non da ultimo mantenendo in toto l’attività svolta in Ticino dall’Esercito e portando in dote al Cantone e alla regione della Bassa Leventina una infrastruttura interessante qual è l’Infocentro di Pollegio”.

In foto (Cancelleria dello Stato) il momento della firma.








Questo è un articolo pubblicato il 18-01-2022 alle 17:26 sul giornale del 19 gennaio 2022 - 114 letture

In questo articolo si parla di attualità, milano, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cFWc